Reading “Tecnologia in cartone” tutti i testi

Scuola primaria di Pavignano Anno 2013-2014

classe IV 

Tecnologia nel mare

Un giorno, due sorelle di nome Giulia e Angelica vanno a nuotare nel mare e vedono due pesci muniti di fili elettrici, attaccati alle squame.

In spiaggia, più tardi, arriva una bibliotecaria che regala loro due libri a testa, in cui si racconta la storia della tecnologia.

Tornate a nuotare, notano anche una trota-di-mare con i tasti sulle squame: in quella strana spiaggia anche il barista aveva, incastrata nella pancia, un robot parlante, campione di gentilezza con i clienti.

Quanto ci piace la tecnologia!!!

Annalisa

Biblioteca in musica

Diedero un computer al bibliotecario .

La professoressa ballava alle nozze.

Non chiedevano niente.

Ma la professoressa diede loro un computer.

Le bibliotecarie tolsero la polvere dallo scaffale muovendosi a tempo .

Che ritmo,che musica!

Bisogna contare ,infine.

Studiare calmerà la danza e a forza di scrivere passerà anche la fame.

Jyoti     Andrea  Hans       Termite

GIUNGLA DI RADIO

Vagano nella memoria

grandi libri

(anime in pena),

radio a volume troppo alto,

pieni di musica rock.

Facciamo sentire la musica dei libri

anche a chi è lontano:

avanti e indietro,

sempre legati alla biblioteca

e lasciamo salire l’emozione

della scoperta dei racconti,

e lasciamo scendere i sospiri inutili.

Sara e Carmela

IL BAMBINO NEL VIDEOGIOCO

UN GIORNO D’ESTATE STEFANO

GIOCAVA AL PC, SVEGLIANDOSI

HA TOCCATO UN TASTO SULLA TASTIERA

ED ENTRO’ NEL VIDEOGIOCO.

DIVENTO’ UN ROBOT,DOVE

DOVEVA SALVARE LE PERSONE

E SCONFIGGERE I ROBOT CATTIVI

NELLA CITTA’ DI LEGOSITY,IN CUI C’ERANO

3 LIVELLI.

LUI NEL PRIMO LIVELLO

DOVEVA SALVARE 4 PERSONE

E SCONFIGGERE 2 ROBOT.

NEL SECONDO LIVELLO AVEVA

GIA DISTRUTTO IL ROBOT

E HA TOTALIZATO 2 000 PUTI.

NEL TERZO LIVELLO AVEVA SCONFITTO

IL RE DEI ROBOT

E HA TOTALIZZATO 40 000 PUNTI.

QUANDO AVEVA FINITO TUTTI

E 3 I LIVELLI USCI’ DAL P-C

AVEVA IMPARATO CHE NON

DOVEVA PREMERE QUEL TASTO

 FILIPPO  TUDOR

La carta più forte del mondo si potrà  usare in biblioteca?

 Exodia il signore proibito finale ha sconfitto tutti i mostri del mondo

È leggendaria è un incantatore / effetto.

Non può essere evocato/posizionato  deve essere evocato mischiando

Tutti i mostri dal cimitero al deck e non può essere evocato in altri modi .

Quando attacca per ogni mostro nel cimitero guadagna 1000 atk

Quando viene attaccato viene bandito ( non può essere distrutto )

Se hai almeno 5 il/del proibito finale  hai vinto la battaglia .

Ale e Tudor

Le cose tecnologiche

Antichissimi sono i libri

ma nuove cose inventano oggi

anzi che le lettere

ci sono gli sms

ormai di cose difficili

non hanno bisogno gli uomini

dalle gambe

alle macchine

ai tempi i fattorini andavano a piedi

adesso con la machina e tutto più facile

a  un tempo usavamo le biglie

ma adesso usiamo le marionette

la tecnologia è geniale.

Filippo Capellaro Siletti & Alex Ndoumbe

Marionette allo schermo

Perché, mia piccola e-reader,

mi fate morire di tecnologia?

Il re robot dorme,

potrei cantarti, quasi,

che non udrebbe!

Oh, fatemi salire sul balcone!

Mio grazioso i-pod

Il balcone è fatto di cartone,

non ci sopporterebbe…

Volete farmi morire senza testa robotica?

Oh, piccolo e-reader, sciogli

I lunghi capelli tecnologici!

– Poeta! Non vedete che i miei capelli sono virtuali?

Oh, perdonate…

-perdono

-perdono

– così?

– così…

Non mi dite una parola,

io morirò.

Come?

Per questa sola ragione?

Siete ironica, addio…

Vi sembra?

O, non avete rimpianti

Per l’ultimo nostro convegno nella foresta di Tecnologia?

Io non ricordo, mio dolce amore,

Ma, ve ne andate???

Per sempre? Oh, come vorrei piangere!

Ma che posso farci se il mio tecnologico cuore è di metallo?

Andrea e Zacharia

Un giorno,

Alessia Francesco  e Filippo escono a fare una passeggiata, vanno in un bosco particolare.

Gli alberi hanno lo schermo a metà del tronco  ed i tasti alla fine di ogni ramo;

i fiori sono computer ed i tasti stanno nel polline;

il lago è un maxi schermo che proietta l’immagine dei tre amici .

Alessia, Francesco e Filippo giocano un po’ , poi incontrano una bibliotecaria che li invita nella sua biblioteca a leggere un libro. Così si siedono e iniziano a leggere

DUE  FRATELLI  IN  UN  VIDEOGIOCO.

C’erano  una  volta due  fratelli che  si  chiamavano Sonic e  Mario.

Una mattina d’estate i due  fratelli stavano comprando un videogioco.(x-box-360)Arrivati a  casa iniziarono a giocare,ad un certo punto l’x-box-360 iniziò a prendere vita e risucchiò i due fratelli.

Entrati nel gioco (Tomb-rayder) iniziarono il primo livello,e  Mario e  Sonic  si sono trovati in  una  difficoltà  spaventosa. Subito  erano entrati in  un  bosco  elettronico  e  pensarono  che  fosse  malvagio.

Però  capirono  che  era  elettronico  perché  gli  alberi  erano  computer  con  dei  tasti  e  uno  schermo  che era   la  casa  di  uno  scoiattolo.  I  fiori  erano  microfoni   e  la  cascata  era  la (  p s   vita  )  e  la  terra  era  il  telecomando.  Superando  il  primo  livello  arrivarono  al  2°  livello   dove  incontrarono  uno  scoiattolo  ;   robot  che  parlavano  come  una  radio. Passarono  5 ore   e  usciti   dal  videogioco  ,  scoprirono  che  la  scuola   quella    settimana  era  dedicata

Alla  tecnologia  :che  fatica!

Dopo  quella  giornata  per  riprendersi  non  giocarono più all’x-box-360 per  un  mese.

Kevin  Candido & Alessandro Innocente.

L’ABBIGLIAMENTO DELLA BIBLIOTECARIA

LA CHIAVETTA USB IN TELETTA

TRAPUNTATA DI TASTINI DI DIAMANTI.

LA BIBLIOTECARIA INDOSSA UNA

MACCHINETTA ELETRONICA ROSA E VIOLA,

STIVALI DI COMPUTER CON TASTIERA

NERA,

UN PIGIAMA DI STAMPANTE

CON DIAMANTI D’ INCHIOSTRO,

UN ALTRO VESTITO IN OROLOGIO,

UN GILET DI LANCETTE.

IL ROBOT LAVA I LIBRI DEGLI SCAFFALI.

IN TASCA NON HA MAI

ALTRO CHE PILE ELETTRONICHE

ANGELICA            &          GIULIA.

Libri e musica

Sullo scaffale della biblioteca

sono allineati uno accanto all’altro molti libri.

La bibliotecaria ripara i libri come se

suonasse l’arpa.

Chiedo alla bibliotecaria

chi mai capisce la tua musica?

Mi risponde con un sorriso:

– Le persone che vogliono leggere

i libri-.

Martina Borri .  B          e      Annalisa Antonelli

Lotta in biblioteca

 La bibliotecaria lotta contro un angelo libro.

E subito questo si vendica,

               Ecco che  la bibliotecaria zoppica.

Dalle mie lotte maldestre.

Escono dallo scrittoio poesie che zoppicano.

E  come loro zoppico  anch’ io.

 Kamal e Tudor

Scuola primaria di Pavignano Anno 2013-2014

Classe V

LA  PROTAGONISTA  SONO IO

 TUTTO  è cominciato in biblioteca mentre stavo leggendo un libro che s’intitolava ” IL  GIRO  DEL  MONDO IN  5  MINUTI “buffo vero?

Ero appena arrivata a leggere il secondo capitolo che puff…

mi trovo dentro al libro.

All’improvviso vedo spuntare un omino che mi dice:

” Presto , presto, non vuoi mica perdere il treno?”

Io senza sapere chi sia, lo seguo fino alla stazione ,

con un grosso punto interrogativo nella testa .

Per capire che stavo partendo per fare il giro del mondo

dovetti chiederlo ad un altro passeggiero con un ‘ aria stanca e depressa ;io rimasi perplessa :

” è  impossibile fare il giro del mondo con un comunissimo treno! “

E poi …. come avrebbe fatto ad attraversare gli oceani ?

Il passeggero mi rispose :” guarda che non è un comunissimo treno ,

questo è il treno EXPRESS 2000, riesce ad attraversare qualsiasi cosa

e dato che il viaggio sarà piuttosto corto , ti consiglio di goderti il paesaggio”. Io ,senza discutere guardai fuori e ….. leggendo i cartelli con delle parole piuttosto strane , mi accorsi che ero già in AMERICA

( tenendo conto che ero partita dall’ ITALIA).

Per il resto del viaggio è andato tutto bene .

Avevo praticamente visto tutte le più grandi biblioteche del mondo

e una volta tornata in ITALIA mi accorsi che il viaggio era durato 5 minuti esatti

ed ero felicissima perchè in questo racconto la protagonista ero proprio

IO!!!!!

         FIAMMETTA

Da un libro  alla tecnologia

Ecco laggiù  in  un  posto  tranquillo,

a  un  certo  punto  uno  strillo,

è  caduto  un  libro  dalla  libreria

e  la  bibliotecaria  è  andata  in  pazzia!

Tutti  i  giorni  succedeva  così,

ma  un  giorno  dormì

e  per  miracolo  un  computer  apparì.

Lei  si  svegliò  e  lo  guardò

a  un  certo  punto  si  spaventò

e  dopo  qualche  giorno  capì come  funzionò:

“finalmente  è  arrivata  la  tecnologia,  è  come  leggere  un  libro  di  magia”!

Ecco,  siamo  arrivati  fino  ad  oggi,  grazie  alla  bibliotecaria  che  si  addormentò  insieme  all’aria!

fine!

Alice,  Giorgia,  Camilla.

La   biblioteca

 C’era   una  volta  una   biblioteca  molto  famosa  che  la  gente  adorava.

Si trovava  ad   Alessandria  d’ Egitto.

Tanto    tempo  fa  quella     biblioteca   è  stata  bruciata  all’improvviso.

La  gente  si   arrabbiò ,  i  bambini  piangevano,   i   ragazzi  si  annoiavano  perché  non  trovavano  da  leggere.   Tutti si lamentarono perché  la biblioteca  alessandrina  era  molto  famosa  in  tutto  il  mondo  antico.

Adesso  tutto  è  calmo   perché   la  biblioteca   è  stata  ricostruita  nel  2012 ed  è  più  bella  di  prima anche  perché  utilizza  la  tecnologia, oltre  alla  …………  carta.                                          Fine…

Ouijdan  e  Nadia…

La tecnologia in biblioteca

 La tecnologia in biblioteca

 È una cosa stratosferica:

 Libri sparsi qua e là

 E negli scaffali un e-book ci starà.

 La maestra dice:

 «Spegni la baracca» (cioè la TV)

 E poi ci da una pacca

 E dice: «Prendi un libro su»!!!

 Noi seguiamo il suo consiglio

 E leggiamo mangiando il miglio.

 Il computer lo troviamo tutti i giorni

 In biblioteca e nei dintorni.

 Nicolò ed Elisa

Le tecnologie

C’ era una volta un bambino che si chiamava Marco,

 che andò in biblioteca a prendersi un libro in prestito.

 Lui si prese un libro che parlava della tecnologia.

Quando finì di leggerlo fece un sogno tecnologico,

 in cui indossava una tuta informatica .

Si svegliò e lo raccontò alla sua famiglia,

che però non gli diede attenzione.

Allora andò di corsa in biblioteca

 per consolarsi con un altro libro.

 NINA

TECNOLOGIE IN BIBLIOTECA

Se leggiamo noi impariamo

Altre cose noi acquisiamo.

Col computer noi giochiamo

Ma ben poco impariamo.

Al computer tutto il giorno stiamo

E del resto non ci accorgiamo.

Sarebbe proprio una magia

Se non ci fosse la tecnologia!!!

Noi dobbiamo ragionare,

qui c’è un mondo da cambiare.

In biblioteca noi andiamo ,

ed un libro noi leggiamo

siamo forti siamo bravi

se abbiamo un libro tra le mani.

Se meno tecnologico fosse questo mondo

Sarebbe un po’ migliore questo pianeta tondo.

 DALLE AUTRICI NOEMI E CAMILLA.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: